Misura Bandiere cm

20×30
40×60
70×100
100×150
150×150
150×225
200×300
250×375
300×450
400×600
Misura su richiesta

Peso del tessuto polietere nautico 110g

Bandiera Zimbabwe

Bandiera Zimbabue in poliestere nautico 110 gr. resistente agli agenti atmosferici, estampa directa su tessuto con optimo pasaggio.

Prezzi unitari da €0,55 C/U

Finitures

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email
CODE: BAZIM Categories , Tags ,

Bandiera Zimbabue in poliestere nautico 110 gr. resistente agli agenti atmosferici, estampa directa su tessuto con optimo pasaggio.

La bandiera nazionale dello Zimbabwe è stata adottata il 18 aprile 1980, al momento dell’indipendenza del nuovo stato. Si compone di sette strisce orizzontali, con i colori verde, giallo, rosso e nero con un triangolo bianco sul margine vicino all’albero maestro contenente una stella rossa a 5 punte con un uccello dello Zimbabwe. L’uccello dello Zimbabwe, l’emblema del paese, è raffigurato come una statua, poiché uno è stato trovato nelle rovine del Grande Zimbabwe

Lo Zimbabwe, ufficialmente Repubblica dello Zimbabwe, è un paese situato nell’Africa sudorientale, tra il fiume Zambesi, le cascate Vittoria e il fiume Limpopo. Il paese non ha coste oceaniche e confina con il Botswana a ovest, lo Zambia a nord, il Sudafrica a sud e il Mozambico a est. La capitale e la città più grande è Harare. La seconda città più grande è Bulawayo. Lo Zimbabwe, un paese di circa 15 milioni di persone, ha 16 lingue ufficiali, di cui l’inglese, lo shona e lo ndebele sono le più parlate.

Dall’XI secolo, la regione che oggi è lo Zimbabwe è stata sede di diversi stati, inclusi i regni di Butua, Rozvi e Monomotapa, nonché un’importante rotta per la migrazione e il commercio La British South Africa Company ha delimitato il suo territorio attuale quando ha conquistò Mashonaland nel 1890 e Matabeleland nel 1893 durante la prima guerra di Matabele. Il governo della compagnia terminò nel 1923 con l’istituzione della Rhodesia del Sud come colonia britannica autonoma. Nel 1965, un governo conservatore di minoranza bianca dichiarò unilateralmente la sua indipendenza come Rhodesia.

La Rhodesia ha dovuto affrontare l’isolamento internazionale e, dopo una guerra civile durata quindici anni tra le forze nazionaliste nere e il governo della minoranza bianca, nell’aprile 1980 è stata istituita l’emancipazione universale e la sovranità de jure dello Zimbabwe. Robert Mugabe è diventato primo ministro nel 1980, quando l’African National dello Zimbabwe Il partito sindacale ha vinto le elezioni; È stato presidente dello Zimbabwe dal 1987 fino alle sue dimissioni nel 2017. Sotto Mugabe, lo stato era responsabile di diffuse violazioni dei diritti umani e accusato di corruzione e scarso rendimento economico. Il paese ha attraversato un periodo di declino economico negli anni 2000, attraversando numerose crisi e iperinflazione.Il 15 novembre 2017, dopo più di un anno di proteste contro il suo governo, Mugabe è stato posto agli arresti domiciliari dai militari per un colpo di stato e si è dimesso sei giorni dopo. Da allora Emmerson Mnangagwa è stato presidente dello Zimbabwe.

Nel 2010 l’indice di sviluppo umano (HDI) dello Zimbabwe era il più basso al mondo, tuttavia, da allora la situazione del paese è migliorata. Nel 2020 si è classificata al 150° posto su 189 paesi. Lo Zimbabwe è regolarmente colpito da siccità e inondazioni.18

Scopri di più sulla bandiera (wikipedia.org)