Misura Bandiere cm

20×30
40×60
70×100
100×150
150×150
150×225
200×300
250×375
300×450
400×600
Misura su richiesta

Peso del tessuto polietere nautico 110g

Bandiera Russia

Bandiera Russia in poliestere nautico 110 gr. resistente agli agenti atmosferici, estampa directa su tessuto con optimo pasaggio.

Prezzi unitari da €0,55 C/U

Finitures

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email
CODE: BERUS Categories , Tags ,

Bandiera Russia in poliestere nautico 110 gr. resistente agli agenti atmosferici, estampa directa su tessuto con optimo pasaggio.

La bandiera russa è un tricolore composto da tre bande orizzontali di uguali dimensioni, i cui colori sono (partendo dall’alto): bianco, blu e rosso.

Quando Pietro il Grande visitò i Paesi Bassi nel 1699 allo scopo di apprendere sulla fabbricazione delle navi, si rese conto che la Russia necessitava di una bandiera per la sua marina. Quindi si ispirò alla bandiera dei Paesi Bassi e creò un tricolore simile, invertendone però la disposizione dei colori.

Questa bandiera divenne la bandiera ufficiale russa il 7 maggio 1883. Quando i bolscevichi presero il potere nel 1917 cambiarono la bandiera, che venne però ripristinata il 21 agosto 1991.

La bandiera russa è la fonte dei colori panslavi.

La Federazione Russa (rus. Российская Федерация, Rossijskaja Federacija, [rʌsˈsijskəjə fʲɪdʲɪˈraʦijə]) è lo stato più grande nel mondo e si estende dall’Europa all’Asia. Confina con Norvegia, Finlandia, Estonia, Lettonia, Bielorussia, Lituania, Polonia, Ucraina, Georgia, Azerbaigian, Kazakistan, Cina, Mongolia e Corea del Nord. È bagnata sulle coste esterne dal Mare Glaciale Artico fino all’Oceano Pacifico, sulle coste interne è bagnata dal Mar Baltico, il Mar Nero e il Mar Caspio. Come principale successore dell’Unione Sovietica, la Russia è ancora uno stato con una forte influenza politica, specialmente all’interno della CSI, che comprende molti stati della ex Unione Sovietica.

Nell’Europa orientale ci sono diversi paesi che condividono i colori nelle loro bandiere. Vediamo che il bianco, il blu e il rosso si ripetono più volte, ed è sempre una disposizione orizzontale. Sono i colori del paneslavismo, movimento politico e culturale nazionalista, emerso nel XIX secolo, che aveva l’obiettivo di promuovere l’unione culturale, religiosa e politica tra tutti i popoli slavi d’Europa. Il paese slavo per eccellenza è la Russia, e la sua bandiera attuale, adottata ufficialmente nel dicembre 1993, riflette questi colori così rappresentativi della regione, che risalgono a molto prima della caduta dell’Unione Sovietica. Una bandiera tricolore a bande orizzontali simile è stata utilizzata dall’Impero russo almeno dal 1705. Bandiere dell’Europa orientale La leggenda è nota che l’origine della bandiera della Russia risale all’anno 1699, quando Pietro il Grande visitò i Paesi Bassi per imparare tutto il possibile sulla navigazione e sulla costruzione navale. Lo Zar, ricordando che ogni orgogliosa marina dovrebbe avere la propria bandiera, notò le insegne olandesi, con strisce orizzontali arancioni, bianche e blu, e decise di copiare il disegno cambiando il colore dall’arancione al rosso, stabilendo così una nuova bandiera. sarebbe quello della marina russa.

 

Scopri di più sulla bandiera (wikipedia.org)